Breaking News

Wednesday, 21 June 2017

Diem25@G20: Constructive Disobedience!


On July 7-8 the G20 Summit is happening in Hamburg. The city’s authorities plan to transform it into a democracy-free zone of complete surveillance, enforced by paramilitary means. We wrote the letter below to the Senate of Hamburg to protest.

DiEM25 will be in Hamburg for the Summit to take the fight to the Establishment in our own special way: with Constructive Disobedience. All welcome – join us!



OPEN LETTER

Honourable Senators of the City of Hamburg,

We are the Democracy in Europe Movement 2025 (DiEM25), a pan-European alliance of European citizens for the democratisation of Europe. What we are witnessing in Hamburg worries us deeply.

In less than three weeks from now, the world’s attention will be drawn to your city, as you host the planet’s most powerful heads of state for the G20 summit. Let us be clear: the G20 has no democratic mandate: it embodies the politics of austerity, social inequality, war and ecological destruction. The protests and draconian security measures that follow G20 summits around the world are testament to this group’s odiously illiberal and autocratic nature.

Yet on July 7 and 8, your city will take security measures that are extreme even by G20 standards. Andy Grote, your senator of the interior, went back on a previous promise to not ban demonstrations[1] and declared a general decree forbidding any kind of assembly in a territory of 38 km2. Predator drones, usually deployed in warzones, will circle the skies, tanks will be out on the streets, and over 15.000 police officers are expected to be on patrol, including those on horseback and with dogs. Robots deployed by U.S. secret services will crawl through sewers and subway tunnels (doing what exactly? No-one knows since the U.S. won’t give us any information about them![2]) Hamburg will be transformed into an Orwellian dystopia of complete surveillance, enforced by paramilitary means; a democracy-free area.

Senators, these moves are a travesty against the democratic identity of the “free and hanseatic city of Hamburg”, to use its official name. They are a blow to the standing of European democracy as a whole and its perception across the world.

We will not be deterred. From July 5 to July 8 we will be in Hamburg to demonstrate for global solidarity, to protest against the G20’s illiberal policies, and to put forward real political alternatives to austerity, war, social inequalities and ecocide. In line with the constitution of your city, which cites Hamburg’s role as ‘mediating between all the world’s parts and people in the spirit of peace’, we will peacefully and constructively #disOBEY the international dogma of austerity.

Please feel free to join us in our festival of democracy.

Carpe DiEM!

[1] https://www.ndr.de/nachrichten/hamburg/Buergerschaft-debattiert-ueber-G20-Demos,gipfeltreffen268.html

[2] http://www.zeit.de/hamburg/stadtleben/2017-06/elbvertiefung-09-06-2017



This Open Letter was approved by DiEM25’s Validating Council.

Do you want to be informed of DiEM25's actions? Sign up here.

Monday, 12 June 2017

Let's not accept that a regime deprives individuals and NGOs from their fundamental rights.


Viktor Orban's Government is putting the vote on Anti-NGO law tomorrow in #Hungary. With #CivicSpace shrinking all over Europe, it is our duty as free citizens to stand against this and show our solidarity to Hungarian citizens.
Let's not accept that a regime deprives individuals and #NGOs from their fundamental rights.

The European Civic Forum is joining the protest planned tomorrow at 11:0 in front of all Hungarian embassies in Europe and invites all of you to gather together, wherever you are, and stand strong for every European citizen's rights.

Contact us for further information about the protests.

#IstandwithNGOs #antiNGOlex

My portrait of Dante Alighieri at the tomb of Dante Alighieri - 2017

Come on AnonUK Radio, Chelsea we'll just hand yuoy the mic so you can say what ever you want


Hi chelsea, i'm G3ar from #topg3arliv3 on AnonUK Radio and we would love to have you in as a guest anytime you can <3 you!

anonymous radio gets the truths through
anonukradio.org

Sunday, 11 June 2017

Alessandra Ballerini Avvocato civilista specializzato in diritti umani e immigrazione

- La verità ad ogni costo!
#ioalzolosguardo

www.alessandraballerini.com

Ahmet Insel #ioalzolosguardo


- L'accusa mossa contro i giornalisti è propaganda al terrorismo!

Professor Ahmet İnsel, a member of the faculty of Galatasaray University in Istanbul, finds the silence of the government in the matter of the Aktütün assault of the Kurdish Workers Party (PKK) unacceptable.

“One wonders what the Ministry of National Defense does in Turkey. If the soldiers are under the control of the civilian government, then the government should answer the questions regarding the Aktütün assault. If they are not, that is, if there is a military government in addition to the civilian one, then that would mean we are not living in a democratic country.”

“If this operation is a failure, then the government should take the political responsibility for it.”

Paolo Borrometi - Giornalista

- Mai giù. Sempre su!

Michele Albanese il giornalista minacciato dalla ‘Ndrangheta

- Questa terra è nostra non è loro!

Marco Risi - Fortapàsc

- Spero che raccontare questa storia serva a scuotere le coscienze dal diffuso tepore.

Fortapàsc è un film del 2009, diretto da Marco Risi, sulla breve esistenza e la tragica fine del giornalista Giancarlo Siani, interpretato da Libero De Rienzo.

Luka Zanoni - Osservatorio Balcani e Caucaso Transeruopa

- Linciaggi mediatici, aggressioni fisiche, minacce. Sono queste le pressioni che subisce, nella Serbia di Vučić, chi si occupa di giornalismo investigativo. 

Specializzazione post laurea in Discipline storiche e filosofiche presso l'Università Bocconi dopo la laurea in Filosofia teoretica presso l'Università Statale di Milano. Tra il 1999 e il 2005 è stato redattore e traduttore della testata online Notizie Est-Balcani e dal 2002 al 2003 è stato redattore del mensile Balcani economia . Giornalista professionista, parla correntemente il serbo-croato. Lavora per Osservatorio dal 2001. È su Twitter come @LukaZanoni.

Saturday, 10 June 2017

DISARMANTE - Mostra itinerante


Funivie Veloci
organizza l'esposizione collettiva itinerante
DISARMANTE

23/24/25 giugno 2017 Cagliari

I temi della mostra sono tra i più attuali di questo momento storico: la militarizzazione globale, il controllo sociale, la guerra, i flussi migratori, la gestione dei confini, l'industria bellica ma anche la resistenza, la solidarietà, le fughe e l'utopia. Pensiamo che queste tematiche siano fortemente legate e che nessuno si possa sentire estraneo.

In questo contesto politico globale, è evidente la contraddizione tra ciò che viene definito giuridicamente legale, come la guerra o la morte in mare di persone per omissione di soccorso, e ciò che invece è illegalmente giusto e umano e che dovrebbe legittimare l'opposizione di chiunque si contrapponga a questo stato di fatto anziché incriminarla; uno degli esempi più eclatanti è il reato di solidarietà nei confronti di chi aiuta dei migranti a non morire.

Partiamo dall'assunto che l'arte, nel bene o nel male, ha accompagnato le grandi rivoluzioni sociali e i cambiamenti, a volte ne ha rafforzato gli immaginari, ha saputo anticipare utopie e sa essere visionaria. Capace di mostrare con diversi linguaggi quello che viviamo, ha il potere di formalizzare il dissenso dichiarando da che parte sta.

Per questo abbiamo colto l'invito del collettivo Filtro 44 e il sostegno dell'ass. Cult. 4Caniperstrada, che hanno organizzato lo scorso anno la prima esposizione “Disarmante”, a continuare questo progetto.
Il titolo ha ancora una volta un duplice significato, se da un lato sottolinea effettivamente una situazione disarmante, in realtà mostra chiaramente la volontà e il desiderio di disarmare un mondo belligerante.

Con uno sguardo critico sull'esistente, partiamo dalla Sardegna che ospita oltre il 60% del demanio militare italiano e investe sempre di più in economia di guerra, come la fabbrica di bombe RWM di Domusnovas. Non ci fermiamo al nostro territorio e sconfiniamo in altri luoghi che fanno parte della stessa politica economica, per seguire inarrestabili percorsi di autodeterminazione e il sogno di un'esistenza migliore. Abbiamo quindi coinvolto artiste e artisti europei e provenienti da zone di guerra e di confine, come la Palestina, la Siria, lo Yemen, l'Afghanistan e il Messico.

L'esposizione sarà itinerante, tra spazi pubblici e privati, si terrà a Cagliari nei quartieri storici di Villanova, Marina e il Molo Marina di Su Siccu , il 23/24/25 giugno.

In queste giornate troverete video documentari, fotografia, installazioni, pittura, grafica, illustrazioni e arte performativa.

Il 23 giungo, in collaborazione con la Biblioteca Autogestita Zarmu, sarà dedicato ad una rassegna di video documentari che si terranno in Via San Giacomo 117, dalle ore 18.30.

Il 24 e 25 a partire dalle 17:30 saranno visibili l'esposizione e le performance, fino a tarda sera.

Dal 24 al 5 luglio inoltre ci sarà una mostra fotografica sullo specchio d'acqua del Molo Marina del Sole – Su Siccu, visitabile a qualsiasi ora.

“Disarmante” è autofinanziata con il supporto di tutte le persone che ci aiutano e da chi mette a disposizione gli spazi o le case private, e dagli artisti e artiste che per questa occasione mostrano la loro produzione fuori da ogni logica di mercato.

CASE E SPAZI PRIVATI / ARTARUGA / PANIFICIO / LAB A / B.A.Z. / CICLOFFICINA / MEZZO PIANO / EFYS 


PROGRAMMA ESPOSIZIONE DISARMANTE 23/24/25 GIUGNO

23 GIUGNO ORE 18.30
IN COLLABORAZIONE CON LA B.A.Z. RASSEGNA CINEMATOGRAFICA
Via San Giacomo, 117, Cagliari.

Ore 18.30
Video impressionista in un montaggio di contrappunto tra spiagge, coste, mare di Sardegna e poligoni militari, Italia 2017. Presenta il cineasta Tomaso Mannoni, Italia 2017.

Ore 19.30
“Oltre l’Aporìa” esperimento audiovisivo di autorappresentazione dal basso della lotta antimilitarista in Sardegna, di Cladinè Curreli, Italia 2017. Presenta la video maker.

Ore 20.00
“De l’autre côté des montagnes” (Sott. ITA), di Fatima Bianchi, Francia 2017.

A Briançon, due comunità si incontrano: quella dei migranti provenienti dall’Africa, arrivati in Francia dopo mesi di cammino e fatica, e quella di un gruppo di volontari della città. Si instaurano nuove relazioni dall’equilibrio sottile attraverso un approccio umanistico e politico. Implicitamente, emerge una terza faccia, quella della città di Briançon, dominata dalle montagne, dove il paesaggio sembra rivelare una dimensione onirica.

Ore 20.30
“Parole De Bandit, Cédric Herrou, condannato per delitto di solidarietà” di Jean Boiron Lajous, Francia 2017.

Breve racconto di chi sono quelli che non rispettano la legge, mentre le autorità francesi portano minori in Italia?

Ore 20.45
“Tirhas” di Francesca Cogni, con Tirhas Saron Okbey, France 2017.

Racconto della migrante Tirhas Saron Okbey.
----

24 / 25 GIUGNO MOSTRA VILLANOVA

Via San Domenico, 31 (Casa privata) - Fotografia / Installazione
Federico Verani
Melissa Favaron
Arc La Rue

Via San Domenico, 52 (Lab A) - Fotografia / Installazione
Monica Loazano
Monica Lugas

Piazza San Domenico - Installazione
Monica Lugas

Via San Giacomo, 8 (casa privata) – Pittura / Video / Intervento partecipativo
Pastorello
Alexia Guirkinger
Mario Pischedda

Via San Giacomo, 117 (B.A.Z) – Pittura / Video / Installazione
Lorenzo Sibiriu
Pietro D’Aietti
Gianluca Nieddu

Via San Giovanni, 37 (casa privata) – Intervento partecipativo
Edoardo Tedde

Via San Giovanni, 50 (ARTARUGA) – Grafica / Libri D'Artista / Proiezione
Saba Jalla
Tawfiq Jebril
Belal Khaled
Antonio Sini
Giovanna Silva
Giulia Casula
Francesca Corriga
Vincenzo Grosso

Via San Giovanni, 61 (Casa privata) – Installazione / Video
Erik Chevalier
Leonardo Boscani
Lorenzo Sibiriu

Via San Giovanni, 88 (Spazio privato) – Grafica / Illustrazioni
Sedki Al Imam
Checco Frongia
Gianluca Costantini
Carol Rollo, Giaime Loi
lena merhej
Shamsia Hassani
Kiki Skipi
Andrea Colombu
Mario Pischedda

Piazza Marghinotti – Installazione
Riccardo Fadda

Via Principe Amedeo, 37 (casa privata) – Fotografia / Video
Pietro Mele
Mauro Rizzo
Laura Manchinu

Via Principe Amedeo, 21 (Ciclofficina) – Video
Carlo Valle

Piazza G.Maria Dettori, 9 (Mezzo Piano, Ex – art) – Fotografia e Installazione
Francesco Giusti

Piazza San Sepolcro – Installazione
Incontr'arte

Piazza G. Orrù – Installazione
Daniele Gregorini

Piazza Savoia, 4 (Efys) – Video
Jean Boiron Lajous
Francesca Cogni



FUORI PORTA
DAL 24 GIUGNO AL 5 LUGLIO
Molo Marina del Sole (Su Siccu Mare) - Installazione fotografica site specific
Simone Pierotti

---

PERFORMANCE
24/6

dalle 18,00 alle 20:30 (ogni mezz'ora)
Via San Giovanni, 101 (Panificio)
"The Golden Age in The Blue Sea"
Franco Casu

19,00
Via San Giacomo, 117 (B.A.Z.)
“non spegnete il fuoco che è dentro di me altri sono i fuochi da spegnere e con urgenza”
mariopischeddainmovement & mario massa trumpet

20,30
Via Principe Amedeo, 33 (Baracca Rossa)
“OLD LOVE Project”
Alberto Lorrai

dalle 20,00 alle 21,00
Piazza San Sepolcro
“Al telefono con David Liver”

22,00
Piazza G. Orrù
“Filastrocca di quando buttavamo a mare i tram”
Sergio Meloni, Amilga Quasino , Enrico Sesselego

---

PERFORMANCE
25/6

19,00
Via San Giovanni, 50 (esterno)
'Dirimpettai'
Giuseppe Salaris, Carlo Valle

20,00
Via San Giovanni, 50 (ARTARUGA)
"Ballata dentro al fosso"
Emanuela Mancosu
Sara Scioni

21,30
Piazza San Sepolcro
“Passagem”
Movimentonetto

Lorenzo Frigerio - Coordinatore della Fondazione Libera Informazione.

"Vogliamo che lo Stato sequestri e confischi tutti i beni di provenienza illecita, da quelli dei mafiosi a quelli dei corrotti. Vogliamo che i beni confiscati siano rapidamente conferiti, attraverso lo Stato e i Comuni, alla collettività per creare lavoro, scuole, servizi, sicurezza e lotta al disagio". 

Laura Silvia Battaglia - Giornalista

- Ho capito che avrei fatto la giornalista quella volta che un mafioso di zona mi chiamò minacciandomi!

for Festival dei Diritti Umani #Milan

Paolo Maggioni - Giornalista


Giornalista @RaiNews. Ex @CaterpillarRai, @Radiopopmilano e @TgrPiemonte, tifa @Inter. Milanese,beppeviolista,proudly outsider, un graphic-novel su Facchetti

Milano, Italia • facebook.com/paolo.maggioni